Logo Carnevale di Acireale

Proverbi siciliani

1 Acqua, cunsigghiu e sali / senza dumannatu nu nn'hai a dari.
Acqua, consigli e sale / se non richiesti non devi dare.
***
2 Acqua e focu, dacci locu.
Acqua e fuoco, dagli luogo.
***
3 Acqua e focu, 'un ci pigghiari 'mprisi.
Acqua e fuoco, non li affrontare.
***
4 A cui ti po' pigghiari chiddu chi hai, dacci chiddu chi t'addumanna.
A chi può prenderti quello che hai, dagli quello che ti domanda.
***
5 A cursa longa lu bon cavaddu pari.
Nella corsa lunga il cavallo si manifesta.
***
6 Ad àevulu cadutu ognunu curri e fa ligna.
Ad albero caduto ognuno corre e fa legna.
***
7 A facci irita teni la vucca sirrata.
Dinanzi a faccia adirata tieni la bocca serrata.
***
8 A la calma, bunanzza e letu jiri, ogni cucchieri sapi navicari.
In calma, bonaccia e lieto andare, anche i cocchieri sanno navigare.
***
9 A li corpi di marteddu si conusci la magagna.
Ai colpi di martello si viene a conoscere la magagna.
***
10 A locu unni 'un si' conusciutu, comu si' vistu si' raffiguratu.
In luogo dove non sei conosciuto, come sei visto sei ritenuto.
***
11 A lu cantari l'occedu e a lu passari lu ciriveddu.
Al cantare l'uccello e al parlare il cervello.
***
12 Amatu nun sarai si a tia sulu pinsirai.
Amato non sarai se a te solo penserai.
***
13 A paisi unni chi vai, comu vidi fari fai.
In paese dove vai, come vedi fare fai.
***
14 Aperta è la porta pri chiddu chi porta.
Aperta è la porta per colui porta.
***
15 A pignata chi vugghi nun cci ' ncugnanu muschi.
A pendola che bolle non s'accostano mosche.
***
16 A spiziali nun tascari, a firraru nun tuccari.
Dallo speziale non assaggiare, dal fabbro non toccare.
***

17 A Taurmina / quantu su' li muntati su' li pinnina.
A Taormina quante son le salite son le discese.
***
18 A tempu di carduni lu cuteddu servi a lu patruni.
In tempo di cardoni il coltello serve al padrone.
***
19 Attacca l'asinu unni voli lu patruni; vegna lu lupu e si lu pozza manciari.
Lega l'asino dove vuole il padrone; venga il pupo e possa mangiarselo.
***
20 Batti lu ferru mentri è càudu.
Batti il ferro mentre è caldo.
***
21 Beni di furtuna pàssanu comu la luna.
Bene di fortuna, passano come la luna.
***
22 Beni e mali, 'n cera pari.
Bene e male, nella cera (nel viso) si manifestano.
***
23 Bisogna prima masticare feli, / cui voli ddoppu agghiuttiri meli.
Bisogna che prima mastichi fiele chi vuole dopo inghiottir miele.
***
24 Bisogna suffriri lu statu prisenti pri nun aviri lu mali avviniri.
Bisogna sopportare la condizione presente per non avere il male futuro.
***
25 Bonu pilotu a la timpesta pari.
Il buon pilota si vede durante la tempesta.
***
26 Bonu studiu e bona cura / càccianu e rùmpinu mali vintura.
Buono studio e buona cura scacciano e spezzano male ventura.
***
27 Bonu vinu, cavaddu e mugghieri, / sapi ognunu ca 'un si divi lodari.
Buon vino, cavallo e moglie ognun sa che non son da lodare.
***
28 Cani chi dormi, nun lu scuitari.
Cane che dorme, non stuzzicarlo.
***
29 Cci dissi lu gadduzzu a la puddastra: / tuttu lu munnu è comu casa nostra.
Disse il galletto alla pollastra: tutto il mondo è come casa nostra.
***
30 Cci voli sorti, cci voli furtuna sinu a lu stissu frìjiri l'ova.
Ci vuole sorte, ci vuole fortuna fin nello stesso frigger le uova.
***
31 Cci vonnu zucchi di centu cantàra, / cà lu focu di pagghia pocu dura.
Ci voglion ciocchi di cento quintali perché il fuoco di paglia poco dura.
***
32 Cerca lu beni e aspetta lu mali.
Cerca il bene e aspetta il male.
***
33 Comu mi canti ti sonu.
Come a me tu canti io ti suono.
***

34 Contra furtuna nun vali sapìri.
Contro la fortuna non vale il sapere.
***
35 Cori forti cunsuma cattiva sorti.
Cuor forte consuma cattiva sorte.
***
36 Cosi cuntati cridìtinni mitati; / si menu nni criditi, megghiu faciti.
Cose riferite, credetemi metà; se meno ne credete, meglio ancora fate.
***
37 Cu' ad àutru 'nzigna, acquista cchiù sapiri.
Chi ad altri insegna, asquista più sapere.
***
38 Cu' ad ogni dittu cridi ed è currivu, / comu pigghiassi l'acqua cu lu crivu.
Chi ad ogni detto crede ed è corrivo, / come prendesse l'acqua con lo staccio.
***
39 Cu 'ammuccia zoccu fa, è signu chi mali fa.
Chi nasconde ciò che fa, segno è che male fa.
***
40 Cu' arrisorvi, nun mori.
Chi si risolve (esce di perplessità), non muore.
***
41 Cu' arrobba fa un piccatu, nni fa centu cu' è arrubbatu.
Chi ruba fa un peccato, ne fa cento chi è rubato.
***
42 Cui onu si guardau, bonu si truvau.
Chi ben si guardò, ben si trovò.
***
43 Cui camina licca, cui sedi sicca.
Chi cammina lecca ( guadagna qualche cosa), chi sta a sedere, insecchisce (si consuma nell'inedia ).
***
44 Cui cchiù curri, mancu camina.
Chi più corre, neppure cammina ( perché si stacca e deve fermarsi ).
***
45 Cui cchiù sapi, menu cridi.
Chi più sa, meno crede.
***
46 Cui cerca chiddu chi nun dici, trova chiddu chi nun voli.
Chi cerca quel che non deve ( cercare ) , trova quel che non vuole.
***
47 Cui cerca, trova; cui sècuta, vinci.
Chi cerca, trova; chi persevera, vince.
***
48 Cui curriri pritenni 'ntra pinninu, / è di giudiziu scavigghiatu e 'nsanu.
Chi correre pretende nel pendio, è di giudizio scombinato e insano.
***
49 Cui di la propria libbirtà si spogghia, / sempri si trova cu affannu e cu dogghia.
Chi della propria libertà si spoglia, sempre si trova con affanno e doglia
***
50 Cui di nenti si fa scrùpulu, jetta manu a tutti cosi.
Chi di niente si fa scrupolo, getta le mani su qualunque cosa.
***
51 Cui dintra lu murtaru l'acqua pista, / cu li stizzi si vagna e stancu resta.
Chi dentro il mortaio l'acqua pesta, / con gli schizzi si bagna e stanco resta.
***
52 Cui di paroli il è vintu, nun è sempri di virità cunvintu.
Chi da parole è vinto, non è sempre di verità convinto.
***
53 Cui du' lebbri voli assicurari, né l'unu né l'àutru po' pigghiari.
Chi due lepri vuole inseguire, né l'una né l'altra può pigliare.
***
54 Cui fa carteddi, nni fa làidi e nni fa beddi.
Chi fa cestelli, ne fa brutti e ne fa belli.
***
55 Cui fa li centu e nun fa l'unu, perdi li centu pri chidd'unu.
Chi fa i cento e non fa l'uno, perde i cento per quell'uno.
***
56 Cui frabbica supra la rina, la caduta è vicina.
Chi fabbrica sulla rena, ( sappia che ) la caduta è vicina.
***
57 Cu' havi chi fari cu sperti, stassi cu l'occhi aperti.
Chi ha da fare con scaltri, stia con gli occhi aperti ( stia bene attento ).
***
58 Cu' ha cummuditati e 'un si la pigghia, / attàccalu a la stadda e dacci pagghia.
Chi ha comodità e non la gode, / legato in istalla e dagli paglia ( trattalo da somaro ).
***
59 Cu' ha la cugnintura e 'un si nni servi, / nun trova cunfissuri chi l'assorvi.
Chi ha l'occasione ( favorevole ) e non se ne serve, non trova confessione che l'assolva.
***
60 Cu' havi manu friddi è 'nnamuratu; / cu' havi manu càudi è 'ngarzatu.
Chi ha mani fredde è innamorato; chi ha mani calde, fa l'amore.
***
61 Cui lassa la via vecchia pri la nova, / li guai ch'un va circannu, ddà li trova.
Chi lascia la via vecchia per la nuova, / i guai che non va cercando,( proprio) là li trova
***
62 Cui mali s'appoja, prestu cadi.
Chi mal s'appoggia, presto cade.
***
63 Cui mancia, fa muddichi.
Chi mangia, fa molliche.
***
64 Cui multi cosi accumenza, nudda nni finisci.
Chi molte cose incomincia, nessuna ne finisce.
***
65 Cui nesci, arrinesci.
Chi esce, riesce ( chi si avventura fuori, ha successo )
***
66 Cui nesci matinu, àscia un carinu.
Chi esce di buon mattino, trova un carlino ( fa buon guadagno ).
***
67 Cui nun fa lu gruppu a la gugliata, / perdi lu' puntu cchiù di 'na vota.
Chi non fa il nodo alla gugliata, perde il punto più d'una volta.
***
68 Cui nun havi spirienza, nun havi scienza.
Chi non ha esperienza, non ha scienza
***
69 Cui nun po' dari ajutu, 'nvanu ascuta.
Chi non può dare aiuto, invano ascolta.
***
70 Cui nun po' muzzicari, nun mustrassi li denti.
Chi non può mordere, non mostri i denti.

 

 

 

Contatto
Copyright © 2007 - www.carnevalediacireale.it - Tutti i diritti riservati.   | CREDITS | PUBBLICITA' | CONTATTACI